Una HARLEY, un giorno, un giro, 300 km, e tanti miti da sfatare

Tutte le due ruote senza l'ALA della Honda sul serbatoio

Moderatori: ready, thevuffer

Avatar utente
ready
DIRETTIVO
DIRETTIVO
Messaggi: 1924
Iscritto il: 19 apr 2011, 00:00
Località: RM
Contatta:

Una HARLEY, un giorno, un giro, 300 km, e tanti miti da sfatare

Messaggioda ready » 03 feb 2012, 15:47

ho avuto la possibilità di percorrere poco più di 300km con una Harley Davidson, e sono rimasto assai sorpreso.

l'ho guidata in città, nel traffico caotico di Roma,
ho sfogato i suoi 1200cc sulla roma fiumicino e mi sono fatto poco più di 200km con gli amici davide, fabrizio e pablo nel classico giro fuori porta.
ma andiamo con ordine.
di quale harley sto parlando??
di una XL1200C Sportster Custom
Immagine

è un giocattolo il cui costo si attesta sugli 11.000 euro
bicilindrico a V da 1202 che dà una coppia di 98 Nm a 3.200 giri.

La definiscono entrylevel, ma allora la 883 cos'é ??

in effetti mi manca di aver provato tutte le altre HD quindi probabilmente questa è più docile nell'erogazione e facile nella guida.
ed eccoci subito al motivo della mia enorme sorpresa.

guidarla è di una facilità estrema, il manubrio è alto e largo ma non troppo ed è in perfetto equilibrio con la seduta.
appena entrato sulla Cassia in mezzo al traffico, la manegevolezza di questa harley mi ha fatto passare tutti i miei timori
il tempo di abituarsi a mettere i piedi sulle pedane davanti e non su quelle del passeggero (sic) e fare zigzag fra le macchine è stato facilissimo

sembrava quasi di stare su uno scooterone

il baricentro basso e le gomme da 16 pollici dal profilo bello tondo , mi hanno permesso da subito di stare in equilibrio a velocità zero !
io che pensavo di dover stare tutto il tempo con le gambe allargate e pronte a mettere i piedi per terra, sono rimasto subito sorpreso.

uscito dalla cassia mi sono messo sul raccordo e poi sulla roma fiumicino, ossia lunghi rettilinei e poi lunghe e larghe curve.
c'ho messo poco a dare gas con un occhio alla lancetta del tachimetro

a 130 il vento cominciava a farsi sentire, ma oltre i 130 ... abbastanza oltre ... dovevi tenerti aggrappato alle manopole e irrigidirti o ti trovavi presto seduto sul fanale posteriore.

ha uno strano sistema per le frecce: un pulsante a destra e uno a sinistra, ho scoperto subito che, dopo aver messo la freccia, se la moto si raddrizza o si inclina dalla parte opposta la freccia si toglie automaticamente.
altra scoperta, il clacson: ohhhhh finalmente un clacson come quelli di una volta "POOOOOOOOOOO" molto USA  :)))

arrivo a casa e metto dietro, in uno scarso sellino per passeggero, READY2.0, contentissimo di questa novità
io invece, sentendo le sue prime parole, un pò meno: " che bella !!!! che figata !! e quella di prima, l'hai data via?? finalmente!! " (approfitto per rendere noto ai lettori che da allora è disponibile per essere adottato!!! )

appena si siede però comincia a lamentarsi della seduta scomoda
il mio posto è ben definito , ma il suo è un cuscinetto senza bordi che mi obbliga a stare attento col gas: se ci do giù mi perdo l'erede !
parliamo quindi del sellino
qui gli americani si sono superati
tutte le moto dovrebbero avere un sellino del genere!
"ma come?" direste voi! "hai appena detto che in due si sta scomodi?!?!"
e infatti !!!
chi ci vuole stare in due!!
allora potevi prenderti quella con il sellino singolo?
ma no !!! ma vuoi mettere??
immaginatevi la scena: torni a casa con la nuova moto e la signora si lamenta "Un'altra??" ma insomma!!"
e voi pronti a rispondere " ma questa l'ho presa per fare lunghi e rilassanti viaggi!! volevi che prendessi una sportiva?? vedi che c'è spazio anche per te? ho preferito questa all'altra bella potente tutta nera con sella singola e tu mi dici questo??"

tempo uno o due giri fatti insieme e la signora decide che la moto non è per lei, che ci sta troppo scomoda ("ma come?? non vieni più a farti i giri con me??? non ammetterà mai che ci sta scomoda!! ) e tu i tuoi giri te li fai in totale relax eheheheh geniali questi americani

Immagine

il giorno dopo mi faccio il giro con gli amici su citati
sulle strade dei castelli romani capisci che non solo hai una moto diversa, sei proprio entrato in un mondo diverso!
la posizione di guida è perfetta e sembra che ci hai fatto già migliaia di km
ma la concezione stessa dei giri è diversa.
fermo restando che con qualsiasi moto si fanno i fuori porta per ritagliarsi un pò di tempo per se stessi e concedersi un pò di piacere lontano dalla città intrappolatrice, qui, con questa moto, tutto cambia!
hai un motore che è un piacere dare gas, scarica subito la coppia e senti la spinta e quel suono delizioso tondo e forte
però, ai tornanti o nelle curve strette, devi ricordarti delle pedane
altrimenti tocchi
è una sensazione strana che non so descrivervi
appena ho cominciato a prenderci la mano, a aumentare la mia media fra rettilinei e curve, paf! grattata della pedana e raddrizzata immediata (poi sapendo che non era mia e la dovevo riportare la strizza è stata maggiore!!)

eh si, se fino ad adesso non ho che elencato i sorprendenti pregi, cominciamo coi difetti
è un vero peccato avere tutta quella coppia e poi dover bruscamente smorzarla nei tornanti stretti (giuro, mi sentivo ridicolo, forse anche perchè non avevo preso bene le misure)
è come incontrare una bellissima ragazza, che ti strizza l'occhio e poi ti allontana.
mi infastidiva questo coitus interruptus

altra nota dolente sono le sospensioni
ho preso certe botte su queste strade di m... che abbiamo!!
su un rettilineo ho dato gas e ho trovato un gradino... una botta che mi ha fatto sollevare!!
e la posizione delle gambe qui è un grosso difetto, perchè avendole distese in avanti non puoi ammortizzare e ti prendi tutto.

insomma è strana! ad avere un box bello grande e soldi da spendere , INDUBBIAMENTE, mi farei una harley (prima di questo giro neanche gratis)
ma con questa moto, ti compri indiubbiamente uno status !
per come io vivo la moto, questa non starebbe mai in un box da sola.
perchè non soddisfa pienamente

il marchio harley, così come altre marche tipicamente USA stile custom, sopravvivono grazie ad un mercato che porta soldi nelle loro casse indirettamente: l' aftermarket .

Chi si compra una harley non la lascerà mai così come uscita dalla fabbrica, sente il bisogno di entrare in una tribù ed essere individuo grazie alle personalizzazioni
la sella di cuoi, le borse con le frange, lo carico particolare, il manubrio assurdo e tante altre cose

quasi si comprano la harley e dopo cento metri si fermano al negozietto per cambiarci qualcosa e personalizzarla.

sia chiaro che non è una critica, dico solo che per come vivo io una moto, sono molto distante da questo mondo

è anche vero però che un coast to coast sulla route 66 non lo farei mai con una moto qualunque ma con una MITICA HARLEY !!
la mente è come un paracadute: funziona solo se si apre

Avatar utente
FalcioVF
SOCIO
SOCIO
Messaggi: 4492
Iscritto il: 20 nov 2007, 00:00
Località: Roma

Re: Una HARLEY, un giorno, un giro, 300 km, e tanti miti da sfatare

Messaggioda FalcioVF » 03 feb 2012, 18:04

ruote 66?.. che sordidi messaggi che mandi ......  ;D ;D ;D ;D
FalcioVF
Roma

Avatar utente
Raven
Sr. Member
Sr. Member
Messaggi: 1567
Iscritto il: 18 dic 2011, 00:00
Località: Formigine

Re: Una HARLEY, un giorno, un giro, 300 km, e tanti miti da sfatare

Messaggioda Raven » 03 feb 2012, 18:23

Anche io ho una gran voglia di provare una custom.. però preferirei o una honda shadow o  una gran bella Guzzi California.. purtroppo sono moto che qui da noi non vanno troppo.. chi sa.. magari in futuro riuscirò a fare un bel parco moto XD

Intanto ti auguro di goderti la piccolina fino a che l'hai in prova.. (piccolina?? 1200.. XD.. diciamo che è un po' grandicella  ;) ;) ;) )

Per viaggiare puoi sempre provare le mastodontica ultra classic o qualcosa del genere (i modelli H-D non riesco proprio a impararli) che poco hanno di diverso da un transatlantico...

però è sicuro... il mondo H-D ha un fascino tutto suo.. peccato sia troppo spesso fuori portata........... di portafogli  ;D ;D ;D
Raven - Quattro ruote muovono il corpo, due muovono l'anima! (cit.) [Beta RR 400 a breve tornerà un'aletta ;)]
Immagine

Avatar utente
max
Platinum Member
Platinum Member
Messaggi: 4005
Iscritto il: 20 nov 2007, 00:00
Località: potenza

Re: Una HARLEY, un giorno, un giro, 300 km, e tanti miti da sfatare

Messaggioda max » 03 feb 2012, 18:30

ogni moto ha il suo fascino.. la mia fase custom è morta ormai da una ventina di anni, ma se trovassi una vf750c ...  :P :P :P :P  mmmmm  :P :P :P :P chi sa ?
Allegati
Honda_VF750C_88__1.jpg
Max - Potenza -
Honda Transalp 650 '02 ; Honda XL500R '84 : Piaggio X9 250 '00 (ma con motore Honda ;-)
Immagine


Torna a “LE ALTRE ... QUELLE SENZA ALA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti